More Info for Learning from Nature workshop

download pdf  aura learning by nature workshop 2016

 

 

 

 

 

 

 

download pdf with more informations: aura learning by nature workshop 2016

Here are more informations for our workshop Learning from Nature in September 2016 in Calabria.

I remember you that the  workshop can  be fully funded by an Erasmus + Mobility. If you have not yet done the application for the Erasmus + mobilities, it is now time to do it: Deadline for the application is 2. February 2016. You need a own organisation, you need  to have an european PIC number and let’s do it. Click here to learn how to write the application. http://www.erasmusplus.org.uk.

 

WHAT AURA OFFERS

image

AURA Sviluppo Sostenibile – franzini@elenafranzini.com

http://www.aurasostenibile.wordpress.com

Pic number: 946381277

 

TITEL: LEARNING FROM NATURE

Self perception and systemic transformation for innovators and change makers in times of crisis

download pdf: aura learning by nature workshop 2016

Date: 19-23 September 2016 (Monday-Friday)

Venue: Calabria, South Italy (organic farm Priscopio, Ciaramiti di Ricadi) (4 km from Tropea)

Arrival airport: Lamezia Terme

 

Facilitators: Elena Franzini (Aura, Calabria, South Italy); Jasenka Gojsic (Isoropia, Zagreb, Croatia), Mare Suljak (Isoropia, Zagreb, Croatia)

 

Costs: 60€/person/day food and accomodation (double or triple bedroom)

Participation:

 

  • individuals, NGO and associations 350€ (could be fully funded wih Erasmus+ Mobility)
  • corporate 700€

 

Info: franzini@elenafranzini.com

http://www.aurasostenibile.wordpress.com

Tel: +39-349-1963178

 

The focus is on capacity building for teachers, facilitators, innovators and change makers.

 

Daily structure for all workshops: 10.00 – 19.00

10.00 Opening process – check-in

11.00 Work Session I – Opening activities – Deep dive into yourself – Mindfulness practices – Learning lab

13.00 Lunch

14.00 Relax,

15.00 Work Session II – Experiential lab – Creative activities: Surfacing emerging solutions and self expressing activities through painting, writing, video

17.00 Reflection on the day

19.00 Relax

20.00 Dinner

 

Feel free to innovate and co-create with us the workshop contents. Bring your favorite music (instruments), games, inspirations for others, etc…

 

The fundamental longing is to connect ourselves with our own essence. It is not about how to act with more rational knowledge, but to create a bridge between your rational mind and your inner wisdom, developing the necessary emotional strength and spiritual power.

It is an experiential five days workshop about your Self perceptions, that are determined by its position in relation to other phenomena and that are changed by the very act of observation.

The magic of nature and the beauty can deliver you the peace, the love, the intuitions and the calm you need in challenging chaotic times.

 

Day 1: Opening process: create the field and open the space for transformation

Redirect your attention from outside to inside, practice the listening to yourself and experience the deep breath of life that is breathing within you.

The path from outside to inside

The quality of your inner space

 

Day 2: Ensoul your perception

Change your perceptions: experience the wonder of an ensouled world. Create your symbols, discover your mirrors, create your metaphors from your experience with nature. Add transpersonal spiritual energies.  Develop yor ability to sense. Trust your sensibility and trust your intuition. the use of imagination.

 

Day 3: Life Sustaining Transformation

Loving yourself, self-esteem, presence, imagination, love, harmonious life in your systemic transformation.

 

Day 4: The path back from inside to outside: act with your roots in your soul

Explore the future from within; Letting go, letting come.

Authenticity and the courage to speak with your voice. Show yourself. The U movement.

 

Day 5: Sharing, harvesting

 

The key lies in transforming both our capacity to see and sense, and our capacity to create. A capacity to see that no longer fragments the observer from what’s observed.

A new capacity for stillness that no longer fragments who we really are from what’s emerging. And a new capacity to create alternative realities that no longer fragments the wisdom of your head, heart and hand. A synthesis of all different facets of a single way of being. Explore the future from within.

Daily “soul check-in”, journaling on your role in life, inner conversations, inspiration from nature and transpersonal experiences are essential parts of the workshop.

 

 

 

 

 

Creiamo spazi di coraggio, fiducia, apertura e di apprendimento nella natura

Perchè facciamo tutto questo? Ecco quello che ho scritto oggi nella nostra prima newsletter ufficiale:

Siamo impegnati a fare crescere quella nuova consapevolezza nelle persone e nella collettività che può creare un positivo futuro sostenibile. Siamo specializzati nella trasformazione personale e sociale culturale. Ci siamo impegnati ad aiutare le persone e la comunità a vedere e sperimentare le cose da quel livello che sta oltre tutte le separazioni, divisioni e frammentazioni, il livello del “tutto”, e impariamo insieme ad agire dal Tutto, con Amore. Creiamo spazi di coraggio e di fiducia e spazi di apprendimento nella natura per chi è in cammino e si sente agente di cambiamento.

Ecco, questo è importante: creare spazi di coraggio e fiducia. Perchè abbiamo tutti bisogno di coraggio e di fiducia per fare il proprio passo nella nuova consapevolezza ed agire da questa nuova consapevolezza.

Ho poi aggiunto un’altra cosa: Proseguono i nostri incontri di ispirazione e condivisione esperienziale per chi è in cammino. Vogliamo dare coraggio a chi si sente agente di cambiamento, creando uno spazio di fiducia e di apertura per le proprie riflessioni personali e offrendo uno spazio di apprendimento nella natura. E’ come sempre un incontro esperienziale dove puoi essere con te stessa/te stesso e riflettere sul tuo percorso interiore e come agisci nella tua vita.

La natura è parte integrante dell’incontro perchè sappiamo per esperienza l’aiuto che può dare la natura come ispirazione per la vita e per ricaricare le proprie batterie quando ce ne è bisogno.

Spazi di coraggio, spazi di fiducia, spazi di apprendimento nella natura: sono queste le parole chiave. E tutto questo per chi? Per coloro che sono in cammino e che si sentono agenti di cambiamento. Che le nostre anime possano essere sempre con noi. Quando siamo soli e quando siamo in relazione con gli altri… e quando lavoriamo. Perchè il lavoro per me è qualche cosa di sacro…

Matrice dell’evoluzione economica di Otto Scharmer (1)

Proseguiamo e approfondiamo il discorso sulla società 4.0 di Otto Scharmer in relazione al grado di consapevolezza a livello collettivo. Otto Scharmer ha creato una matrice per descrivere la possibile evoluzione dell’economia a seconda dello stadio di consapevolezza.

Vi sono rappresentate due coordinate. Nella coordinata verticale ci sono i diversi stadi di consapevolezza e nella coordinata orizzontale sono rappresentati i differenti fattori della funzione economica: 1. I fattori di produzione da un lato, come la natura, il lavoro, il capitale, la leadership e la tecnologia; 2. I fattori di consumo, non solo dal punto di vista individuale e collettivo, ma anche tutto il consumo da parte di tutte le istituzioni e organizzazioni; 3. Il coordinamento, cioè la regolamentazione, come la governance e il governo, e infine 4. Il fattore della proprietà.

A seconda dello stadio di consapevolezza il rapporto con questi fattori e il loro utilizzo cambia.

Vediamo per esempio come cambia il rapporto con la natura a seconda del grado di consapevolezza.

Nel primo stadio di consapevolezza, 0.0, della communità, la natura viene vista come “madre natura”.

Dopo, nello stadio successivo di consapevolezza che Scharmer chiama teocentrico, 1.0, la natura viene considerata una risorsa. Nello stadio 2.0 di consapevolezza, quello del mercato libero, del “laisser faire”, che Otto Scharmer chiama consapevolezza egocentrica, il rapporto con la natura cambia ancora, e da risorsa essa diventa una merce (una commmodity).

Il successivo stadio di consapevolezza è quello del mercato regolamentato, dove i diversi gruppi di interesse sono al centro; è lo stadio 3.0, la nostra attuale situazione. Otto Scharmer chiama questo stadio la consapevolezza non più egocentrica, ma “gruppi di interesse-centrica”. Qui la natura viene considerata una merce regolamentata. 

Lo stadio successivo è quello del 4.0, quello verso cui evolviamo, il nostro prossimo passo come società, come consapevolezza collettiva: Otto Scharmer chiama questa consapevolezza, la consapevolezza co-creativa; è una consapevolezza distribuita, diretta, dialogica,  Qui la natura viene considerata un bene comune. Per esempio l’aria come bene comune, i mari, i paesaggi e così via.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: