Come pensi? Credi che l’altro sia ok?

io sono ok, tu sei okProseguiamo la nostra riflessione su come pensiamo e sull’esplorazione dei nostri modelli mentali. Ricordiamoci che il secondo incontro di Leader Consapevole ha il focus sui pensieri e sui modelli mentali.

Abbiamo già visto in un post precedente che i modelli mentali sono delle lenti colorate invisibili attraverso cui guardiamo il mondo e che chiaramente influenzano il nostro comportamento e il nostro modo di agire.

I modelli mentali più frequenti sono due e sono l’uno opposto all’altro.

Il primo modello mentale è “Io sono ok, tu sei ok“;

il secondo modello mentale è “Io sono ok… e tu no!“.

Fred Kofman (Business Consapevole) dice che il modello mentale del io sono ok e tu sei ok è un modello di mutuo apprendimento, mentre il secondo, il io sono ok… e tu no!, è un modello di controllo unilaterale.

Perchè è così importante esplorare il proprio modello mentale? Perchè dal modello mentale io poi agisco.

tu non sei okE se penso che tu non sia ok, io cercherò di controllarti, mi metterò in difesa (perchè mi devo difendere da te che mi potresti attaccare personalmente se non la pensi come me e se non vedi le cose come me). Mi comporterò da “controllore”, dice Fred Kofman.

Invece il modello del io sono ok e tu sei ok ha delle conseguenze  totalmente diverse: nel pensare – ed essere convinto – che tu sia ok, mi metto in una posizione di apertura nei tuoi confronti. Se io sono ok (e questo vuole dire che ho una certa autostima) e anche tu sei ok, non è necessario che io combatta contro di te per dimostrare che detengo l’unica verità. A questo punto posso cominciare a lavorare per integrare il tuo punto di vista. Per questo Kofman parla di “mutuo” apprendimento.

Egli spiega (pag. 214): “Il modello di mutuo apprendimento si basa su tre assunti:

1. “La mia razionalità è limitata”: “i miei modelli mentali condizionano le mie percezioni e le mie interpretazioni. Il mio punto di vista è sempre parziale, pertanto non posso avere alcuna certezza su come siano le cose o su come dovrebbero essere in futuro. Le mie convinzioni sono solo delle ipotesi che possono essere sempre contraddette” .

2. il secondo assunto è che “le prospettive sono complementari“. “Poichè gli altri posseggono differenti modelli mentali, potranno vedere le cose in maniera differente dalla mia. Sulla base di ciò, potranno fornirmi dei dati che miglioreranno il mio punto di vista”.

3. il terzo assunto è: “gli errori sono opportunità per imparare“. “Un difetto può essere una grande fortuna. Un errore può essere quindi l’opportunità di esaminare e migliorare il processo che l’ha creato”.

E ora ti pongo la domanda: da quale modello mentale agisci? Osserva una situazione che ti sta a cuore oppure semplicemente osserva una situazione che stai vivendo con un’altra o più persone, non importa quale.

E chiediti: “Che cosa penso dell’altro?” Penso che abbia ragione? Che abbia torto? Ti metti in posizione difensiva? Senti che ti devi difendere da qualche cosa? Ritieni che lui/lei (l’altro) sia “ok”???

Prova ora ad immaginare come sarebbe la situazione se tu agissi dal modello mentale opposto. Cambierebbe qualcosa? Cosa cambierebbe? Ma in un primo momento non è necessario fare questo passo, vedere come sarebbe se lui/lei fosse ok. E’ molto più importante diventare consapevole di come penso. Questo è il primo passo. Penso che lui/lei sia ok o non ok?

Questo è un passo fondamentale per il leader consapevole. Non devo sempre cambiare le cose. Nei nostri incontri noi vogliamo arrivare a percepire come pensiamo.

Iscriviti ai nostri incontri di Leader Consapevole!

Annunci

Come pensi? Cosa pensi? I tuoi modelli mentali. Secondo incontro di Leader Consapevole a Tropea

Come pensi? Cosa pensi? I tuoi modelli mentali - Secondo incontro di Leader Consapevole a Tropea

Fred Kofman, nel suo libro Business Consapevole paragona i modelli mentali a lenti colorate. I tuoi modelli mentali sono quindi lenti colorate attraverso cui tu guardi il mondo. Ma queste lenti colorate sono invisibili, perchè i tuoi modelli mentali sono invisibili. “Ciò implica che se ci togliamo gli occhiali e li guardiamo, potremo vedere qual è il colore della nostra percezione” prosegue Fred Kofman.”La distanza ci dona la giusta prospettiva e ci mette in grado di decidere se continuare o no a indossare occhiali colorati”.

“Gli schemi mentali possono funzionare come occhiali, ma assomigliano più agli occhi e non possiamo quindi privarcene senza soffrire un grave trauma. Il nostro modo di vedere il mondo è così connaturato in noi che non riusciamo a concepire l’esistenza di qualcosa di diverso perchè per noi questa è l’unica realtà possibile”
“Una delle caratteristiche principali dell’arroganza dell’essere sta nel fatto che non si riesce a distinguere la propria identità dalle proprie emozioni. In pratica ci identifichiamo totalmente con i nostri pensieri e di conseguenza, quando qualcuno mostra opinioni diverse dalle nostre, è come se non ci accettasse come persona. Come risultato, chiunque sfidi le nostre idee, è come se sfidasse la nostra immagine e autostima”. (Fred Kofman, Business Consapevole, pag. 218)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: